Colombia: appello delle diocesi del Pacifico contro la crescente violenza dei gruppi armati

Il dipartiemento del Chocó, la vasta regione della Colombia che si affaccia sull’Oceano Pacifico, è sempre più in balia della violenza portata vanti da gruppi armati e illegali, che “suscitano panico e timore nella popolazione colpita” da queste scorribande e atti violenti. La denuncia arriva dal Coordinamento ecclesiale del Pacifico, che raggruppa le diocesi di Istmina-Tadó, Quibdó, Apartadó, Tumaco, Guapi y Buenaventura e le organizzazioni etnico territoriali, sociali e indigene.
Nel comunicato i vescovi di queste diocesi sollecitano una maggiore presenza dello Stato: “Esigiamo che il Governo nazionale metta sul campo tutta la sua capacità istituzionale per contrastare le azioni che violano i diritti umani e i diritti dei popoli, commesse da gruppi paramilitari, sovversivi e ogni tipo di banda criminale”. Al tempo stesso nella nota si fa appello al Governo perché si sviluppi una politica di effettivo disarmo, che coinvolga tutti i gruppi armati illegali. Infine, i vescovi chiedono alle autorità competenti per i leader comunitari e i difensori dei diritti umani, che negli ultimi mesi hanno ricevuto numerose minacce.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy