This content is available in English

Comece: su Europeinfos l’emergenza migrazioni e rifugiati

L’emergenza migrazioni e rifugiati è al centro di “Europeinfos” di aprile (www.europe-infos.eu), il mensile della Commissione degli episcopati della comunità  europea (Comece). Decisamente critica è la valutazione della politica europea che considera la Turchia come “Paese terzo sicuro” verso cui orientare i respingimenti greci. “Può uno Stato in cui si verificano gravi violazioni dei diritti umani, incluso il principio del non respingimento essere considerate ‘sicuro’ per i rifugiati? Certo no e l’Ue e gli Stati membri rischiano di tradire così i propri valori e norme fondamentali”, argomenta Stefan Kessler (Jesuit Refugee Service Germany). Un altro approfondimento, a firma di José Luis Bazan, riguarda invece la voragine dei 10mila bambini rifugiati non accompagnati  scomparsi dai campi in Europa, secondo le ultime stime di Europol. “Per i minori si dovrebbero seguire i parametri della protezione dei bambini” definiti nei trattati internazionali anziché “i criteri dell’immigrazione irregolare”, mentre invece mancano percorsi adeguati di accoglienza e di ricerca nel caso della scomparsa. Un terzo approfondimento sul tema immigrazione affronta la questione integrazione, con la presentazione delle proposte avanzate da un documento dell’Ufficio europeo cattolico per la formazione di giovani e adulti che invoca, tra l’altro, un allargamento dei programmi Ue esistenti in materia, perché possano comprendere anche i giovani rifugiati in Europa.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy