Università: accordo di collaborazione Antonianum-Sapienza

La Pontificia Università Antonianum e Sapienza Università di Roma hanno firmato un importante accordo di collaborazione culturale e scientifica per dare vita, anche attraverso lo scambio di professori e ricercatori, a progetti congiunti di ricerca, corsi, giornate di studio e seminari sui temi attinenti alle seguenti aree: scienze dell’antichità, archeologia e arte francescana; scienza e fede; giustizia, pace e integrità del Creato.  Nell’ambito della prima area – scienze dell’antichità, archeologia e arte francescana – saranno sviluppati due progetti di ricerca, sui contesti culturali immateriali – memorie, racconti, tradizioni – e materiali – architetture, paesaggi, reperti – della storia biblica e della vicenda di Francesco d’Assisi e del francescanesimo. Comune a entrambe le linee di ricerca – si legge in una nota – sarà il coinvolgimento, insieme all’archeologia e alla storia dell’arte, di una vasta gamma di discipline: critica testuale, esegesi biblica, filosofia, filologia, linguistica, patristica, teologia, sotto la supervisione dei professori Paola Carafa, Marco Guida e Caterina Papi.  Ai professori Gianfranco Tonnarini e Ivan Colagé sarà invece affidata la ricerca sul tema scienza e fede, declinato in prospettiva antropologica e con una particolare attenzione alle possibili “sinergie” tra il mondo della ricerca scientifica e la dimensione di fede elaborata sul piano intellettuale dalla teologia.  I temi affrontati dal gruppo di ricerca su scienza e fede troveranno un ulteriore approfondimento nell’ambito dell’area giustizia, pace e integrità del Creato, curata dai professori Paolo Ridola e Nicola Riccardi, titolare, quest’ultimo, dell’omonima cattedra inaugurata dalla Pontificia Università Antonianum già dal 2009. “La Sapienza”, ha dichiarato il rettore della stessa Università, Eugenio Gaudio, “considera con particolare attenzione il rapporto di collaborazione con la Pontificia Università Antonianum, che rappresenta un’importante realtà nel campo della ricerca nei settori della filosofia, della linguistica e della teologia”. “All’interno della politica complessiva di accordi con cui la nostra Università intende rafforzare la propria strategia di internazionalizzazione”, ha aggiunto Mary Melone, rettore della Pontificia Università Antonianum, “l’accordo con la Sapienza rappresenta un traguardo di particolare importanza. Sono sicura che la collaborazione scientifica nella ricerca in aree costitutive per la nostra Università aprirà prospettive di grande rilevanza formativa”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy