Papa Francesco: udienza, “Gesù è libero”, “si schiera con la donna peccatrice”

“Gesù è libero, libero perché vicino a Dio che è Padre misericordioso. E questa vicinanza a Dio misericordioso gli dà la libertà”. Lo ha detto, a braccio, il Papa, che commentando il brano evangelico al centro dell’udienza di oggi ha spiegato che “tra il fariseo e la donna peccatrice, Gesù si schiera con quest’ultima”. “Libero da pregiudizi che impediscono alla misericordia di esprimersi, il Maestro la lascia fare”, ha proseguito: “Lui, il Santo di Dio, si lascia toccare da lei senza temere di esserne contaminato. Anzi, entrando in relazione con la peccatrice, Gesù pone fine a quella condizione di isolamento a cui il giudizio impietoso del fariseo e dei suoi concittadini, i quali la sfruttavano, la condannavano”, ha aggiunto a braccio. “I tuoi peccati sono perdonati”, la sentenza di Gesù: “La donna ora può andare in pace”, perché “il Signore ha visto la sincerità della sua fede e della sua conversione”. Allo “stupore” dei commensali – “Chi è costui che perdona anche i peccati?” – Gesù, ha ricordato Francesco, “non dà una esplicita risposta, ma la conversione della peccatrice è davanti agli occhi di tutti e dimostra che in Lui risplende la potenza della misericordia di Dio, capace di trasformare i cuori”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy