Terremoto Ecuador: don Vallotto (missionario), “la città di Muisne è semidistrutta”

“L’Ecuador era già un Paese in crisi a causa della caduta a picco del prezzo del petrolio, sua principale risorsa. Ora alla crisi si aggiunge la tragedia”. Dai dintorni di Quito, nella cui diocesi presta servizio come missionario fidei donum, arriva la testimonianza di don Giuliano Vallotto, originario della diocesi di Treviso. “Abbiamo chiamato il vescovo di Esmeraldas per avere alcune notizie soprattutto di Muisne – racconta don Giuliano -. Era appena rientrato da Muisne dove aveva celebrato la Messa della domenica del Buon Pastore. La polizia non gli ha permesso di entrare nell’isola perché il Paese è semidistrutto ed è stato temporaneamente abbandonato dai suoi abitanti. Il vescovo ci diceva che sono state principalmente le abitazioni dei più poveri a risentirne”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia