Fatebenefratelli: via libera definitivo al piano di risanamento dell’ospedale all’isola tiberina

A due anni dall’avvio della procedura, il piano di risanamento e rilancio dell’ospedale dei Fatebenefratelli all’Isola Tiberina ha ricevuto dal tribunale di Roma l’approvazione definitiva con il “decreto di omologa”. Ora, dunque si può passare alla fase attuativa. “Entriamo nel vivo del processo di risanamento e rilancio già avviato – spiega il direttore generale, Marco Longo – e i primi risultati sono evidenti: nel pieno della crisi il Fatebenefratelli perdeva 20 milioni ogni anno, oggi siamo in terreno positivo”. Una tendenza che incoraggia ad andare avanti per garantire continuità ai servizi offerti ai cittadini sul territorio e per migliorarli, sempre nello spirito che caratterizza da secoli l’opera dei religiosi di San Giovanni di Dio. “In questa direzione – assicura Longo – abbiamo messo in campo investimenti importanti”. Per l’ostetricia, tradizionalmente uno dei punti di eccellenza dell’ospedale, ci saranno otto nuove sale travaglio e due sale parto dedicate; a breve sarà anche potenziata la terapia intensiva neonatale, con il progetto di aggiungere quattro posti letto. Altra novità l’arrivo di due tac di ultima generazione, una delle quali destinata al pronto soccorso, che lo scorso anno ha erogato 36mila prestazioni. E ancora, per quanto riguarda la cardiologia, la realizzazione di una nuova sala moderna per il trattamento delle aritmie.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia