Mediterraneo-Balcani: Kasmi (Sauatt), “dialogo interreligioso, valore aggiunto per sviluppo sociale e civile”

Bilbil Kasmi (foto Varoujan Aharonian/Mcl)

(dall’inviato Sir a Tirana) – “Lo sviluppo del dialogo sociale come elemento per superare le sfide del mondo del lavoro” e per “affrontare le dinamiche socio-economiche nel nostro Paese e nei Balcani”. Bilbil Kasmi, presidente del sindacato libero e indipendente albanese Sauatt, è intervenuto in apertura del seminario internazionale in corso a Tirana su “I Paesi dell’Europa mediterranea e il dialogo sociale: le sfide del lavoro, dell’immigrazione e della coesione sociale per cambiare il modello di società”. Kasmi ha fatto alcuni cenni al periodo comunista, per ricordare l’impegno del sindacato nei diversi campi della garanzia dei diritti, della democrazia, della crescita civile. Quindi ha affermato: “Una particolarità”, che si configura come un “valore aggiunto” dell’Albania “è il dialogo interreligioso. Arriviamo da decenni in cui le fedi sono state negate. Sosteniamo per questa ragione il diritto di credere, che diventa un punto positivo anche per il rafforzamento” dei processi democratici. “Tirana e l’Albania sono per questo la sede ideale per il nostro convegno”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa

Informativa sulla Privacy