Cardinale Bagnasco: sul referendum “la Chiesa italiana ufficialmente non si è pronunciata. I giudizi espressi sono di vescovi locali”

Sul referendum che tra due giorni chiamerà gli italiani ad esprimersi in merito alle trivelle, la Chiesa italiana “ufficialmente non si è assolutamente pronunciata”. Così il cardinale Angelo Bagnasco intervenendo a margine di un incontro a Genova nel quale il l’arcivescovo di Genova e presidente della Cei ha presentato l’esortazione apostolica “Amoris Laetitia” di Papa Francesco. A due giorni dal voto, il cardinale ha poi affermato che le voci che si sono levate sul tema da parte di esponenti ecclesiali, come “i vescovi del luogo”, sono “giudizi locali perché conoscono le situazioni molto meglio di chi sta altrove”.

“Ci penserò domenica”. Il cardinale Bagnasco ha risposto, poi, in questo modo ai cronisti genovesi che oggi pomeriggio gli hanno chiesto se domenica si recherà al seggio per votare al referendum sulle trivelle. Il porporato ha fornito la stessa risposta – “ci penserò domenica” – anche alla domanda se esprimerà una preferenza per il “sì” o per il “no”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa

Informativa sulla Privacy