This content is available in English

Grecia-Macedonia: Caritas Bolzano, 50mila euro per emergenza-profughi a Idomeni. “Situazione drammatica”

La Caritas altoatesina invia 50mila euro per contribuire alla fornitura di cibo per neonati, pannolini, articoli igienici e stivali di gomma per il campo profughi di Idomeni, al confine tra Grecia e Macedonia. Sono almeno 12mila le persone, fra cui 4mila bambini, che “vivono tra bisogni e incertezze”. “Mentre il Governo greco auspica di riuscire a svuotare il campo profughi di Idomeni entro fine aprile – spiega una nota della Caritas di Bolzano – con il trasferimento in centri di transito distribuiti in tutto il territorio greco, la situazione per le oltre 12mila persone accampate alla bell’e meglio è sempre più drammatica. Le condizioni meteo non aiutano: spesso l’acqua piovana scorre nelle tende e la gente non riesce a proteggersi dal freddo e dall’umidità”. “Ovunque c’è fumo e pessimi odori causati dai rifiuti e delle acque reflue. Diverse centinaia di persone soffrono di bronchiti, diarrea e problemi respiratori. Se arriverà il caldo si teme lo sviluppo di patologie infettive come tifo e colera”. Su invito del network Caritas presente con propri operatori e volontari in Grecia e in tutti i principali campi profughi della “rotta balcanica”, la Caritas altoatesina ha quindi stanziato 50mila euro “per contribuire alle attività di aiuto in atto a Idomeni”, aiuti che si concretizzeranno nella fornitura di beni di prima necessità.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy