Ue: Tusk su referendum britannico, “To be, or not to be together, that is the question…”

Donald Tusk, presidente del Consiglio europeo

(Bruxelles) –  “To be, or not to be together, that is the question…”. Prima con un tweet, che ricorre alla letteratura inglese, poi con una lettera ufficiale inviata ai capi di Stato e di governo dell’Ue, il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, risponde alle sollecitazioni per una riforma comunitaria e per precise garanzie richieste dal Regno Unito per la permanenza nella casa comune, in vista del referendum sul “Brexit”. “Credo profondamente che la nostra comunità di interessi sia molto più forte di ciò che ci divide”, afferma Tusk. “Essere o non essere insieme, questo è il problema che deve essere risolto non solo dal popolo britannico in un referendum, ma anche dagli altri 27 membri dell’Unione europea nelle prossime due settimane”. Tusk fa riferimento al summit dei 28 che il 18-19 febbraio si soffermerà proprio sul Brexit. Per Tusk, “mantenere l’unità della Unione europea è la più grande sfida per tutti noi e questo è l’obiettivo centrale del mio mandato”. In questo spirito il presidente presenta una proposta per andare incontro alle richieste avanzate dal premier britannico Cameron.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy