Acs: a Quaresima “sosteniamo i cristiani rimasti in Iraq‏”

“Sosteniamo i cristiani rimasti in Iraq‏”: è questo l’invito che “Aiuto alla chiesa che soffre” (Acs) lancia per la prossima Quaresima, anticipato dalla Giornata mondiale di preghiera e digiuno per la pace in Siria e in Iraq fissata per il 10 febbraio, Mercoledì delle Ceneri e che porta  il titolo: “Porterai la loro Croce per un giorno? Nel mercoledì delle Ceneri prega e digiuna per Iraq e Siria”. Nelle settimane di Quaresima Acs ha predisposto una serie di progetti a sostegno dei cristiani iracheni ridotti ormai a soli 250mila fedeli. “La prima settimana – fa sapere la fondazione di diritto pontificio – sarà dedicata all’aiuto dei bambini di Aqra, la seconda all’assistenza delle famiglie cristiane a Kirkuk e la terza sosterrà la formazione in materie religiose ad Ankawa”. Da inizio marzo fino alla fine della periodo quaresimale l’attenzione sarà per “la salvaguardia della fede cristiana dei giovani a Erbil”;” il sostegno della vita quotidiana nei campi profughi di Baghdad”; ed infine si proverà a “garantire una vita dignitosa nel villaggio padre Werenfried ad Ankawa. “Sono stati gli stessi vescovi, sacerdoti e suore della Chiesa locale – spiega Acs – a indicarci gli aiuti umanitari per le famiglie cristiane che, costrette a fuggire dalle loro case, vivono nei campi-profughi e gli aiuti pastorali a difesa del Cristianesimo”. È possibile prendere parte alla campagna anche attraverso i social network, utilizzando gli hashtag #fastandpray #carrythecross e #AshWednesday. Dall’inizio della crisi siriana nel marzo 2011, Aiuto alla Chiesa che soffre ha realizzato progetti a sostegno della popolazione di Siria e Iraq per un totale di 27 milioni e 670mila euro.

 

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy