Diocesi: Acireale, nasce il parco culturale ecclesiale “Terre d’Etna e valle dell’Alcantara”

Terre d’Etna e valle dell’Alcantara: questo il nome del parco culturale ecclesiale della diocesi di Acireale. Un progetto fortemente voluto e sostenuto dal vescovo monsignor Antonino Raspanti e guidato da don Roberto Fucile, neodirettore dell’Ufficio diocesano per la Pastorale del Turismo, Pellegrinaggi e Sport, da Melino Ficili, promotore del progetto, e da Anna Maria Musmeci, coordinatrice del progetto di sviluppo turistico interregionale Itinerari della Fede-Cammini di Fede. Ne dà notizia una nota della diocesi. L’obiettivo alla base della creazione di un parco ecclesiale è stato illustrato lo scorso febbraio a Roma, da mons. Mario Lusek, direttore dell’Ufficio nazionale per la Pastorale del Turismo, Tempo libero e Sport della Conferenza episcopale italiana, in occasione del primo incontro del Tavolo di coordinamento dei parchi culturali ecclesiali: è necessario costruire un sistema su base territoriale per valorizzare strategicamente e sinergicamente il patrimonio delle Chiese locali, in ambito liturgico, storico-artistico, museale. Terre d’Etna e valle dell’Alcantara, inserendosi nella più ampia rete dei parchi culturali ecclesiali italiani coordinati dall’ufficio nazionale Cei, – si legge – “è il terzo parco culturale ecclesiale operativo in Italia e l’unico in Sicilia, per la quale costituirà il Progetto pilota ed una valida metodologia da seguire per realizzare nuovi progetti”. L’obiettivo è proporre e costituire un sistema totalmente nuovo ed una concezione fortemente innovativa del rapporto tra turismo religioso e territorio: un contributo concreto allo sviluppo economico e sociale del territorio della diocesi di Acireale, auspicando l’attuazione di una rete sinergica di relazioni tra le diverse realtà operanti nello stesso segmento territoriale, quali comunità parrocchiali, santuari, associazioni laicali, al fine di valorizzare il patrimonio storico-artistico (inteso in senso ampio e compendente anche i beni culturali immateriali) ed offrendo delle opportunità lavorative ai giovani.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy