Libano: dal 6 al 10 dicembre la missione umanitaria Uisp per i rifugiati siriani

Parte oggi la nuova missione umanitaria promossa dall’Uisp (Unione italiana sport per tutti) in collaborazione con Terre des hommes, che fino al 10 dicembre saranno in Libano, a Jdeide Fekehe, nel confine con la Siria, per una tappa del progetto di cooperazione rivolto ai rifugiati siriani. Venerdì 9 dicembre si terrà l’inaugurazione del campo polivalente realizzato grazie ai fondi raccolti con l’edizione 2016 di Vivicittà: è stata rinnovata la copertura del fondo del campo, che potrà essere utilizzato anche per giocare a basket e pallavolo, e ristrutturati gli spalti insieme alla nuova illuminazione. Ci saranno esibizioni e attività sportive che vedranno protagonisti circa 200 bambini della zona e dei campi d’accoglienza, i collective center, in cui vivono migliaia di rifugiati provenienti dalla Siria, metà dei quali sono bambini. Verrà messo a disposizione materiale sportivo per poter svolgere le attività. Il villaggio di Jdeide Fekehe accoglie attualmente circa 3000 profughi siriani, di cui più di mille minori, ospitati in accampamenti di fortuna. Le possibilità ricreative per i bambini si limitano al campo appena ristrutturato contiguo alla locale chiesa. “L’Uisp è arrivata in Libano nel 2008 e ha organizzato tante attività di integrazione a favore dei bambini palestinesi e libanesi – ha affermato Vincenzo Manco, presidente Uisp -. In questi ultimi anni stiamo intensificando la nostra presenza guardando anche ai tanti rifugiasti siriani che il Libano ospita dall’inizio della guerra in Siria. Il nostro obiettivo è affermare, attraverso lo sport, il diritto dei bambini al gioco e a vivere la propria infanzia”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy