Terremoto: Teatri del Sacro, in dono ad Ascoli Piceno e Arquata del Tronto opera d’arte urbana per periodo natalizio

I Teatri del Sacro, la rassegna biennale dedicata ai temi dello spirito, della tradizione sacra e della religiosità popolare, ha scelto di donare alla città di Ascoli Piceno un’opera d’arte urbana che illuminerà il chiostro di San Francesco e il piccolo borgo di Arquata del Tronto, tra i più colpiti dal terremoto, in occasione delle festività natalizie. Si intitola “Firmamento, quel silenzioso desiderio di stelle” l’installazione di luce dell’artista Marcello Chiarenza che si accenderà tutte le sere, dal tramonto a mezzanotte, dal 17 dicembre fino al 6 gennaio. Realizzata con materiali poveri (reti da pesca, pali di frassino, frammenti di specchi rotti…), l’opera crea idealmente un cielo notturno colmo di stelle che si rifrangono sulla terra, brillando al tremolio del vento. L’installazione verrà ufficialmente inaugurata domani sabato 17 dicembre alle ore 18 ad Ascoli e domenica 18 dicembre ad Arquata del Tronto alle ore 17 con una piccola performance dei bambini di Arquata e di Ascoli che appenderanno decine di piccole casette di carta, ognuna illuminata da una candela, simbolo di ricostruzione e speranza.
L’iniziativa si è resa concreta grazie alla collaborazione tra la diocesi di Ascoli Piceno, il comune e il sostegno della Fondazione Cariplo. Una scelta dettata dalla volontà di esplorare nuovi terreni e nuovi pubblici e dalla convinzione che il teatro debba essere anche un prezioso strumento di rinascita e di identità, in un territorio recentemente sconvolto da uno degli eventi sismici più catastrofici degli ultimi anni.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa