Assemblea Fisc: Zanotti (presidente), “gratitudine” per i due mandati di presidenza. Ad oggi 191 testate federate

“Un’esperienza straordinaria, ricca di rapporti di amicizia e stima davvero consolanti per un impegno che chiede molto, ma restituisce in misura di gran lunga superiore”. Così Francesco Zanotti, presidente uscente della Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha espresso la propria gratitudine per i sei anni di presidenza (2011-2016), aprendo oggi a Roma i lavori della XVIII assemblea nazionale elettiva, durante la quale verrà eletto il nuovo Consiglio nazionale. “In questi anni – ha sintetizzato Zanotti, primo presidente laico – abbiamo attraversato e stiamo tuttora attraversando momenti difficilissimi per l’editoria, con un calo generalizzato di vendite, pubblicità e contribuzione pubblica. Nonostante qualche chiusura, noi però non ci abbattiamo e continuiamo ad andare avanti con entusiasmo sia nelle edizioni cartacee sia nelle proposte online”. Ad oggi, ha proseguito presentando lo “stato di salute della Federazione”, “aderiscono alla Fisc 191 testate – per 8-900mila copie a settimana – (1 quotidiano, 2 bisettimanali, 125 settimanali, 17 quindicinali, 31 mensili, 5 all’estero, 9 online, 1 agenzia) nelle quali lavorano oltre 500 dipendenti, di cui oltre la metà sono giornalisti, tra professionisti e pubblicisti. A migliaia si contano i collaboratori. I direttori sono 156 di cui 91 laici (76 uomini e 17 donne), 63 sacerdoti e 2 diaconi permanenti. Nell’ultimo triennio si sono iscritte 9 nuove testate e 5 testate hanno sospeso o chiuso le pubblicazioni”. Certo, ha constatato, “la crisi della carta stampata c’interroga e ci riguarda da vicino, anche se i giornali locali tengono ancora bene. Al momento nessuno conosce il futuro dell’informazione. Per questo, consigliamo a tutti di non abbandonare il certo per l’incerto, con fughe in avanti di dubbia sostenibilità”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy