Biblioteche ecclesiastiche: Emilia Romagna, verso una progettazione regionale integrata

Un lavoro interdiocesano di confronto, scambio e progettazione condivisa. Questo il senso del lavoro della nuova Consulta regionale dell’Emilia Romagna che intende arrivare possibilmente entro il prossimo giugno ad una progettazione regionale integrata per le biblioteche ecclesiastiche. Ne parla Manuel Ferrari, incaricato aggiunto per i beni culturali ecclesiastici per la regione ecclesiastica Emilia Romagna. Nella sua relazione all’incontro “Mano ai libri” in corso a Roma per iniziativa dell’Ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici (Unbce) e l’edilizia di culto della Cei, in collaborazione con l’Iccu e la Biblioteca nazionale centrale di Roma, Ferrari presenta alcune buone pratiche. Tra queste la Biblioteca monumentale del Seminario vescovile di Piacenza: nel 2012 il patrimonio librario che comprende volumi del Settecento e dell’Ottocento era disordinato, sistemato in scatoloni. Da allora è stato avviato un lavoro di riorganizzazione e restauro. Il 4 marzo verrà inaugurata una mostra sul Guercino che coinvolgerà anche Archivio e Biblioteca, un lavoro che rientra nell’ambito dell’attività pastorale diocesana. Altre buone pratiche sono quelle di Modena-Nonantola e di Ravenna-Cervia. Per Ferrari, “un progetto regionale integrato chiede alle regioni ecclesiastiche e alle diocesi un cambio di marcia. La Cei destina a questo fine risorse derivanti dall’8per1000 che sempre più devono trasformarsi da criterio di spesa a criterio di investimento generando valore ecclesiale, sociale, artistico, ambientale ed economico”. “Nella nostra regione – osserva – emerge una situazione di consapevolezza dell’importanza della questione ma gli organici non sono adeguati. Occorre individuare strategie e obiettivi, e dare vita ad un lavoro di rete fattivo che consenta il superamento delle disparità presenti nelle diverse aree. Per questo diocesi e istituti religiosi devono avvalersi di personale qualificato, esperto anche in attività di crowd-funding”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy