Pontificio Istituto Orientale: congresso internazionale per i 100 anni, “Damasco, prisma di speranza”

“Damasco, prisma di speranza” è il titolo del congresso internazionale promosso dal Pontificio Istituto Orientale per i suoi cento anni (1917/2017) che si svolgerà a Roma dall’11 al 13 novembre. Scopo dei tre giorni di lavoro è offrire una opportunità di confronto e dialogo sui temi legati al Medio Oriente e più in particolare alla Siria, segnata da una guerra lunga ormai 5 anni. Il programma darà spazio anche a voci autoctone ed esperte, per creare un momento di confronto basato anche sulle testimonianze di realtà che operano ogni giorno sul territorio. La terza giornata, il 13 novembre 2016 vedrà la presenza di diverse Chiese Orientali e di altri capi religiosi che “da Damasco verso occidente” possano testimoniare gli ambiti di cooperazione generale. Tra gli invitati Staffan De Mistura, Inviato speciale Onu per la Siria, Federica Mogherini Alto rappresentante per gli Affari esteri e la politica di sicurezza e vicepresidente della Commissione Europea, Giuseppina Nicolini Sindaco di Lampedusa e Linosa. Tra i vescovi saranno presenti monsignor Paolo Bizzeti, Vicario apostolico di Anatolia (Turchia) e monsignor Domenico Mogavero, vescovo della diocesi di Mazara del Vallo. Domenica chiusura con il cardinale Leonardo Sandri, Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali, Aram I, Catolicosato della Grande Casa di Cilicia; Gregorios III Laham, patriarca dei Greco Melkiti; Louis Raphaël I Sako, patriarca caldeo, mons. Pierbattista Pizzaballa, Amministratore del Patriarcato di Gerusalemme dei Latini e poi esponenti della chiesa Copta, Siro Ortodossa e Greco Ortodossa di Antiochia.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy