Ecumenismo: Trento, convegno su “Cattolici e protestanti a 500 anni dalla Riforma; uno sguardo comune”

Da mercoledì 16 a venerdì 18 novembre si svolgerà a Trento il convegno ecumenico “Cattolici e protestanti a 500 anni dalla Riforma; uno sguardo comune sull’oggi e sul domani”, organizzato dalla Consulta dell’ufficio nazionale per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso della Cei e dai rappresentanti della Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia, in occasione del 5° centenario della Riforma. Dopo una riflessione biblica a due voci (la pastora Anna Maffei e la teologa Marinella Perroni), il pomeriggio del mercoledì sarà dedicato ad approfondire la conoscenza delle varie realtà nate dalla Riforma. In serata, nella Basilica di S. Maria Maggiore, che al tempo del Concilio di Trento fu la sede delle discussioni teologiche e dei lavori dei padri conciliari, gli organizzatori propongono un incontro dal titolo “Celebrate il Signore, esaltiamo insieme il suo nome. Percorsi musicali tra protestantesimo e cattolicesimo, alla ricerca di moltissimi spazi comuni”. Si tratta di “un viaggio musicale – si legge nella brochure dell’avvenimento – alla ricerca dei legami che la tradizione cattolica e la tradizione protestante hanno mantenuto proprio anche attraverso la musica, nonostante le divergenze teologiche che hanno caratterizzato la loro storia nei secoli scorsi”. Giovedì mattina sono previste due relazioni teologiche, entrambe a due voci: il decano della Facoltà Valdese, Fulvio Ferrario, e l’arcivescovo Bruno Forte approfondiranno i nodi teologici del dialogo ecumenico; il professor Daniele Garrone e il vescovo Ambrogio Spreafico rifletteranno sulla riconciliazione delle memorie e sul dialogo ebraico-cristiano. Nel pomeriggio di giovedì l’attenzione si sposterà sui percorsi del dialogo tra cattolici e protestanti (il pastore Eugenio Bernardini e don Angelo Maffei) e sulle esperienze concrete dell’ecumenismo della carità (don Marco Gnavi e la pastora Maria Bonafede presenteranno l’iniziativa dei corridoi umanitari). Nella serata di giovedì, si terrà in Duomo, una celebrazione ecumenica alla quale prenderà la parola l’arcivescovo di Trento mons. Lauro Tisi. Le conclusioni del venerdì mattina si prefiggono di tracciare le prospettive per le prossime tappe del cammino ecumenico (Paolo Naso e Alberto Melloni, e poi Luca M. Negro, presidente della Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia, e don Cristiano Bettega, direttore dell’Ufficio Nazionale per l’ecumenismo e il dialogo della Cei).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy