Diocesi: mons. Marino (vescovo eletto Nola), “custodire la fede, rinvigorire la speranza, crescere nella carità”

“Desidero rivolgere a tutti voi un primo, cordiale ed affettuoso saluto, nel momento in cui, per la premura di Papa Francesco, sono eletto come vostro vescovo e a voi inviato nella continuità della successione apostolica a custodire la vostra fede, così ricca di storia e cultura, a rinvigorire la speranza, da voi già costantemente testimoniata nel vissuto quotidiano delle famiglie e delle comunità, a crescere con voi nella carità di Cristo che ‘urge’ più che mai nel vasto campo delle povertà, delle sofferenze e, in generale, delle attese e delle umane speranze nei nostri territori, ad agire quale promotore di pace e di giustizia, secondo i disegni di Dio, con tutti gli uomini e le donne di buona volontà”. Lo scrive monsignor Francesco Marino, nominato oggi da Papa Francesco nuovo vescovo di Nola, nel suo primo messaggio alla diocesi.

“Come dimenticare in questo momento – prosegue monsignor Marino, che per 11 anni è stato vescovo di Avellino – le urgenti problematiche sociali legate al mondo del lavoro e le varie aspettative di chi ne è privo! Mi presento così a voi con tutta umiltà, ben consapevole dei miei limiti e del grave compito che il Signore pone sulle mie spalle. Forte unicamente dell’amore per il Signore e il suo Regno, incoraggiato dalla fama della ricchezza di carismi e ministeri e del senso di corresponsabilità di cui la chiesa di San Felice e di San Paolino gode”. “Fin d’ora – afferma monsignor Marino – vi invito a pregare, come io sto facendo già da alcuni giorni”. E conclude: “So – ha concluso il nuovo vescovo – che la Chiesa di Nola è una Chiesa viva e che in questo tempo “sinodale” avete vissuto una stagione ricca di grazia sotto la guida del caro arcivescovo Beniamino, a cui rivolgo un grato saluto nella comunione fraterna”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy