Gesuiti: p. Sosa (superiore), “non è il lavoro di una persona” ma “del corpo della Compagnia”

“Ho il sentimento di avere bisogno di tanto aiuto: adesso incomincia una grande sfida. Questa è la Compagnia di Gesù e allora Gesù deve darsi da fare anche qua, con noi. Dopo, io mi fido dei compagni che sono così bravi. Spero anche che la Congregazione ci porti avanti con un bel gruppo di lavoro e anche con orientamenti molto precisi per potere andare avanti: questo non è il lavoro di una persona, è il lavoro del corpo della Compagnia. Io farò del mio meglio possibile. Sono molto sorpreso, molto grato al Signore. Prego per tutti”. Lo ha dichiarato padre Arturo Sosa Abascal a Radio Vaticana, subito dopo l’elezione a superiore generale dei gesuiti.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa