Cultura: Palermo, in corso la seconda edizione del “Festival delle letterature migranti”

Prosegue fino a domenica 16 ottobre, a Palermo, la seconda edizione del “Festival delle letterature migranti” che, in questi giorni, sta animando il centro storico della città con la presenza di centinaia di ospiti e oltre 60 tra incontri letterari e artistici. L’evento è dedicato a letterature e migrazioni che – secondo il direttore artistico del Festival, Davide Camarrone -, “in un certo senso sono sinonimi” perché “le letterature migrano con i popoli, accogliendoli e accompagnandoli nelle loro storie: facendo storia delle loro vite”. Dopo l’incontro svoltosi ieri sera con lo scrittore nigeriano Wole Soyinka, Premio Nobel per la letteratura nel 1986, e quello di stamattina con monsignor monsignor Dario Edoardo Viganò, prefetto della Segreteria per la comunicazione della Santa Sede, su “Il Papa migrante. Francesco tra fedeltà e cambiamento”, il Festival, tra i tanti appuntamenti, propone per il pomeriggio di domani, sabato 15 ottobre, il dialogo su “La sete di pace da Assisi ad Aleppo” a cui daranno vita l’arcivescovo di Palermo, monsignor Corrado Lorefice, il presidente dell’Ucoii Sicilia, Abdelhafidh Kheit, quello nazionale di Rinnovamento nello Spirito, Salvatore Martinez, il presidente dell’Istituto siciliano di studi ebraici, Evelyne Aouate, e Emiliano Abramo, responsabile per la Sicilia della Comunità di Sant’Egidio. In programma anche la veleggiata con il Centro Astalli, incontri con Luigi Manconi, Marco Revelli e Benedetta Tobagi, oltre a concerti, spettacoli teatrali e workshop.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa