Papa Francesco: udienza, Dio è “pietoso”, “si china su chi è debole e povero”

Il Signore è “pietoso”, nel senso che “fa grazia, ha compassione e, nella sua grandezza, si china su chi è debole e povero, sempre pronto ad accogliere, a comprendere, a perdonare”. Il Papa ha spiegato così il secondo attributo biblico di Dio, scelto per iniziare le catechesi sulla misericordia: “È come il padre della parabola riportata dal Vangelo di Luca”, ha proseguito citando la parabola del figliol prodigo: “Un padre che non si chiude nel risentimento per l’abbandono del figlio minore, ma al contrario continua ad aspettarlo, e poi gli corre incontro e lo abbraccia, non gli lascia neppure finire la sua confessione – come se gli coprisse la bocca – tanto è grande l’amore e la gioia per averlo ritrovato. E poi va anche a chiamare il figlio maggiore, che è sdegnato e non vuole far festa, il figlio che è rimasto sempre a casa ma vivendo come un servo più che come un figlio, e pure su di lui il padre si china, lo invita ad entrare, cerca di aprire il suo cuore all’amore, perché nessuno rimanga escluso dalla festa della misericordia”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa

Informativa sulla Privacy