PAESI SCANDINAVI: DICHIARAZIONE CONFERENZA EPISCOPALE A SOSTEGNO VESCOVO DI OSLO

Una "Dichiarazione del Segretario generale della Conferenza episcopale dei Paesi nordici sulle accuse di frode contro la diocesi di Oslo" è stata diffusa stamane, a firma di suor Anna Mirijam Kaschner, mentre a Essen, in Germania, si sta svolgendo l’assemblea plenaria dei vescovi. La dichiarazione riferisce circa le indagini condotte dal Dipartimento delle finanze della polizia distrettuale di Oslo presso le strutture diocesane in merito a presunte irregolarità nel registro d’iscrizione dei membri della diocesi per gli anni 2010-2014. "La diocesi di Oslo aveva deciso di contattare i 79mila membri della Chiesa cattolica registrati in quegli anni", riferisce la nota, e ha eliminato dagli elenchi tra le 7 e le 8mila persone. La denuncia dei giorni scorsi "s’inserisce in questo iter che era già stato avviato". La Chiesa cattolica in Norvegia riceve un sussidio statale per ogni cattolico registrato, precisa la dichiarazione; il sistema di registrazione è su base volontaria. Il vescovo di Oslo, Bernt Eidsvig, "ha riconosciuto le incongruenze e le omissioni nella registrazione dei cattolici, ma nega una consapevole truffa o l’intenzione di inserire non-cattolici nel registro dei membri", esplicita la Dichiarazione, che conclude: "La Conferenza episcopale della Scandinavia sa che il Vescovo Eidsvig è sincero e onesto pastore della sua Chiesa e si rammarica per le circostanze che hanno generato l’attuale confusione nella diocesi".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy