CHIESE IN EUROPA: MONS. ZVOLENSKY (BRATISLAVA), "RAPPORTO FEDE-SOCIETÀ MODERNA"

(Sir Europa – Bratislava) – "La libertà di coscienza e la libertà d’espressione sono imprescindibili per l’azione della Chiesa cattolica, e allo stesso tempo dovrebbero appartenere al patrimonio della nostra civiltà". Mons. Stanislav Zvolensky, arcivescovo di Bratislava e presidente della Conferenza episcopale slovacca, ha portato il saluto iniziale ai partecipanti all’incontro dei consiglieri giuridici delle conferenze episcopali d’Europa, apertosi oggi a Bratislava, in Slovacchia (4-6 marzo). "Secondo il programma di quest’incontro – ha affermato il vescovo – è chiaro che tra i temi principali ci sono il diritto all’obiezione di coscienza e la libertà di espressione. A prima vista potrebbe sembrare che per la Chiesa cattolica in Europa siano diventati importanti altri temi. Il pontificato del Santo Padre Francesco giustamente può essere percepito come una ricerca di modi d’avvicinamento alle persone di buona volontà, a quelle che in vari modi stanno cercando di arrivare al Regno di Dio, ma che, tante volte, in certi ambiti, non condividono la visione dell’uomo e del mondo che ci viene offerta dal Vangelo. Sicuramente è necessario percepire con tutta la serietà gli incentivi pastorali del nostro amato Santo Padre". "Allo stesso tempo", con Bergoglio "dobbiamo fare del nostro meglio per vivere nella verità, annunciandola all’Europa secolarizzata". (segue)” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy