RICERCA: FATEBENEFRATELLI BRESCIA, NUOVA APPARECCHIATURA PER INDAGINI GENETICHE

Verso la "medicina di precisione" si sta muovendo l’Irccs Fatebenefratelli di Brescia con l’acquisizione di una nuova apparecchiatura per le analisi genetiche. "Un sistema completo per il sequenziamento di nuova generazione (Next generation sequencing) – spiega Massimo Gennarelli, responsabile del Laboratorio di genetica dell’Istituto – che consente di determinare la sequenza sia del Dna che dell’Rna ottenuti da fonti diverse come il sangue, la saliva e il liquido cerebro-spinale. Rispetto alle tecnologie precedenti, l’analisi avviene in tempi più veloci e a costi più contenuti". Grazie a queste apparecchiature, "sarà possibile condurre studi all’avanguardia sulle patologie psichiatriche, come la schizofrenia, il disturbo depressivo maggiore e il disturbo bipolare, e neurologiche, fra cui la malattia di Alzheimer e la demenza fronto-temporale, intervenendo su più fronti". Le nuove apparecchiature, acquisite grazie a un finanziamento del ministero della Salute per l’acquisto di attrezzature in conto capitale, sono state presentate ieri a Brescia. Presenti, tra gli altri, fra Marco Fabello, direttore generale Irccs Fatebenefratelli di Brescia; Sergio Pecorelli, rettore Università studi Brescia e presidente Agenzia italiana del farmaco, Giuseppe Novelli, rettore dell’Università degli studi di Roma Tor Vergata.” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy