SIRIA: OXFAM CHIEDE A GOVERNI AIUTI E ACCOGLIENZA RIFUGIATI

"Senza gli aiuti internazionali necessari a far fronte ai bisogni della popolazione siriana, moltissime persone saranno costrette ad adottare forme di sopravvivenza disperate, come il lavoro minorile e i matrimoni precoci". Lo afferma Riccardo Sansone, responsabile emergenze umanitarie di Oxfam Italia, commentando i dati contenuti nel report "Syria crisis – Fair share analysis 2015" diffuso oggi da Oxfam alla vigilia della terza conferenza dei Paesi donatori della Siria. Secondo Oxfam "le organizzazione umanitarie stimano che nel 2015 saranno necessari circa 8,7 miliardi di dollari per soccorrere circa 18 milioni di civili all’interno della Siria e nei Paesi vicini". "I paesi ricchi che si incontreranno domani in Kuwait per discutere degli stanziamenti necessari per far fronte alla crisi siriana (che ha già causato 11,4 milioni di profughi interni e rifugiati e 220 mila vittime), avranno l’opportunità di invertire questo trend negativo, garantendo un impegno economico di gran lunga superiore a quello del 2014. Se ciò non dovesse avvenire, le conseguenze sarebbero devastanti per milioni di civili sia in Siria che nei Paesi limitrofi, soprattutto in Turchia, Libano e Giordania, dove si sono rifugiati quasi 4 milioni di persone". Nel 2014 lo stanziamento richiesto era stato di 7,7 miliardi di dollari ma alla fine dell’anno, era arrivato soltanto il 62,5% dei fondi. (segue)” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy