PAPA FRANCESCO: SANTA MARTA, DIO NON PERDONA "LA FINTA SANTITÀ"

Se si "impara a fare il bene", Dio "perdona generosamente" ogni peccato. Quello che non perdona è l’ipocrisia, "la finta della santità". Lo ha affermato Papa Francesco all’omelia della Messa del mattino, celebrata a Casa Santa Marta e riassunta da Radio Vaticana. I finti santi, che anche davanti al cielo si preoccupano di sembrarvi più che di esservi, e i peccatori santificati, che al di là del male fatto hanno imparato a "fare" un bene più grande. Non c’è mai stato dubbio su chi Dio preferisca, afferma Papa Francesco, che pone queste due categorie al centro della sua meditazione. La conversione – ha detto il Papa – passa attraverso l’imperativo: "Imparate a fare il bene!" perché "la sporcizia del cuore non si toglie come si toglie una macchia: andiamo in tintoria e usciamo puliti… Si toglie col ‘fare’". Il Papa esorta quindi a soccorrere i più poveri e i più bisognosi: "Fate giustizia a loro, andate dove sono le piaghe dell’umanità, dove c’è tanto dolore… E così, facendo il bene, tu laverai il tuo cuore". Ma il Vangelo del giorno presenta anche il gruppo degli scaltri, quelli "che – stigmatizza Francesco – dicono le cose giuste, ma che fanno il contrario". "Tutti – soggiunge – siamo furbi e sempre troviamo una strada che non è quella giusta, per sembrare più giusti di quello che siamo: è la strada dell’ipocrisia". (segue)” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy