YEMEN: MSF CHIEDE RISPETTO DEGLI OSPEDALI. SOLO IERI ACCOLTI PIÙ DI 80 FERITI

Nello Yemen decine di persone sono rimaste ferite nei combattimenti dei giorni scorsi, molte delle quali curate presso l’ospedale di Medici senza frontiere (Msf) ad Aden, nel sud del Paese. Lo riferisce l’organizzazione umanitaria, secondo la quale gli scontri ad Aden sono aumentati dopo l’ingresso in città dei combattenti Houthi. Gli scontri e il caos generale stanno favorendo i saccheggi. Nella sola giornata di ieri, l’ospedale di Msf nella città ha ricevuto più di 80 feriti. Tra il 19 e il 25 marzo, l’ospedale di chirurgia d’emergenza di Msf ad Aden ha ricevuto più di 180 pazienti. Più di 50 feriti sono arrivati in ospedale dopo gli scontri avvenuti a Lahj. La maggior parte riportava ferite da arma da fuoco e aveva bisogno di un intervento chirurgico d’urgenza. Tra il 24 e il 25 marzo, 19 persone sono state inoltre ricoverate presso l’Al-Nasser Hospital di Ad-Dhale, dove Msf gestisce il pronto soccorso. L’organizzazione chiede a tutte le parti di rispettare la neutralità delle strutture mediche. "Gli ospedali devono rimanere neutrali", dichiara Dounia Dekhili, responsabile progetti Msf in Yemen. "Chiediamo a tutte le parti di non entrare negli ospedali con le armi, e consentire ai feriti di avere libero accesso all’assistenza medica". (segue)” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy