UNIONI CIVILI: “SÌ ALLA FAMIGLIA”, NO “FRA PERSONE DELLO STESSO SESSO”

“Totalmente contrari” al Ddl Cirinnà “sulle unioni civili fra persone dello stesso sesso” si dichiarano i Comitati Sì alla famiglia, che riuniscono numerose associazioni cattoliche ed evangeliche (www.siallafamiglia.it) e che hanno invece presentato come proposta alternativa un testo unico che riunisce e coordina le norme esistenti – tra cui quelle sulle visite in ospedale e in carcere e la successione nei contratti di locazione – a favore dei conviventi, dello stesso o di diverso sesso. “Apprezziamo – precisa il presidente nazionale di Sì alla famiglia, Massimo Introvigne – lo sforzo dei senatori di Forza Italia componenti della Commissione giustizia del Senato di elaborare un testo sulle unioni civili alternativo a quello della senatrice Cirinnà, ma il risultato non è sufficiente”. “Il Ddl Caliendo-Forza Italia, continua Introvigne, “adopera il termine ‘unioni civili’, dal quale derivano precise conseguenze, e larga parte dei suoi articoli richiama la disciplina del regime matrimoniale”. Positiva “l’esclusione dell’adozione”, ma “parlare di ‘unioni civili’ alza una schiacciata a quei magistrati europei e italiani che volessero introdurre la possibilità di adozioni per via giurisprudenziale”.” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy