MONSIGNOR GALANTINO: UNIONI CIVILI, "TENTATIVO DI EQUIPARARE TRA LORO REALTÀ DIVERSE"

"Ancora una volta è in atto un tentativo di equiparare realtà che di fatto sono diverse tra loro": così il segretario generale della Cei, monsignor Nunzio Galantino, ha risposto oggi – durante la conferenza stampa per la presentazione del comunicato finale del Consiglio episcopale permanente – alle domande sul ddl Cirinnà, approvato ieri alla commissione giustizia del Senato, che intende dare vita in Italia alle "unioni civili", parificandole di fatto al matrimonio eccetto che per le adozioni. "La famiglia – ha sottolineato mons. Galantino – è una realtà storicamente, culturalmente e antropologicamente definita. Oggi, col ddl Cirinnà si farebbe una forzatura ideologica per ridurre realtà diverse come fossero uguali". Secondo il segretario Cei, inoltre, "siamo di fronte a un uso improprio e ideologico dello strumento giuridico. Occorre invece avere il coraggio di riconoscere le differenze, senza pretese di fare del terrorismo linguistico, confondendo il doveroso rispetto dei diritti con una forzature giuridica". Proseguendo nei commenti, ha affermato che "si tratta di una ‘tentazione’ sempre in agguato per arrivare a un’equiparazione forzata, utilizzando strumenti impropri, in questo caso strumenti giuridici".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy