SCUOLA: DESIDERI (AIMC), “CREARE COLLEGAMENTI EFFETTIVI CON IL MONDO DEL LAVORO”

“Quello del ministro Poletti mi sembra soprattutto uno sprone alla riflessione e all’impegno per creare collegamenti effettivi tra mondo della scuola e mondo del lavoro”. Lo dice al Sir Giuseppe Desideri, presidente dell’Associazione italiana maestri cattolici (Aimc), secondo il quale il mercato del lavoro non sarebbe “al momento pronto” ad inserire studenti in percorsi di formazione. “A me sembra – osserva – che vengano presentate opportunità inesistenti. Non vedo una corsa delle aziende italiane ad accogliere ragazzi in alternanza scuola-lavoro, non vedo le nostre aziende pronte a recepire quello che è peraltro un bisogno reale degli studenti”. Occorrerebbe chiedersi quale sia “la possibilità concreta per un mondo del lavoro in crisi. Per un imprenditore fare formazione è un impegno. Bisogna partire da questa constatazione e poi ragionare”. Per Desideri, insomma, “in Italia non si perde occasione per parlare di scuola in maniera emotiva, con pochi dati alla mano”. Anche per quanto riguarda una presunta eccessiva lunghezza delle vacanze: “Il confronto con gli altri Paesi europei ci dice che il nostro calendario scolastico non è più breve, è solo distribuito diversamente, ma per una sua eventuale revisione occorre ragionare in un’ottica di sistema. In Italia l’organizzazione della scuola è molto legata a quella della famiglia”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy