INTEGRAZIONE E LEGALITÀ: CIOFS, NASCE A TARANTO “CASA MISTRA”

Nasce a Taranto la prima “casa dell’integrazione e della legalità”, in una villetta sequestrata alla criminalità organizzata. Un progetto d’inclusione sociale rivolto ai migranti e ai cittadini italiani che vivono la marginalità. “Casa Mistra”, il nome è acronimo di “Migrant Inclusion strategies in european cities”, è un progetto europeo a cui il Ciofs nazionale (le suore salesiane che si occupano di formazione professionale, ndr) in sinergia con la sede pugliese, ha aderito, coordinando un gruppo di 22 realtà locali, da associazioni di volontariato a sindacati e con la collaborazione del Comune ionico. Le buone pratiche in materia d’integrazione degli stranieri di quattro città europee (Dublino, Berlino, Vienna e Bologna) sono state in questo caso trasposte in altrettante città target (Taranto, Vidin, Praga e Budapest). All’interno della villetta ci sarà un internet point, uno sportello informativo per ottenere assistenza legale. Si svolgeranno corsi di formazione professionale, di mediazione linguistica e culturale, di sostegno psicosociale, laboratori d’informatica, di artigianato e artistici, corsi di lingua italiana ed eventi interculturali per la promozione della legalità.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy