PAPA FRANCESCO: DOPO ANGELUS, "NESSUNO SIA ESCLUSO NELL’USO" DELL’ACQUA

"Nonostante il brutto tempo siete venuti in tanti, complimenti. Siete stati molto coraggiosi, anche i maratoneti sono coraggiosi, li saluto con affetto". Così, ieri mattina, Papa Francesco dopo l’Angelus, si è rivolto ai fedeli presenti, malgrado la pioggia. "Voglio ringraziare per la calorosa accoglienza tutti i napoletani, tanto bravi. Grazie tante!", ha aggiunto, ricordando la visita pastorale a Napoli, sabato 21 marzo. Ricordando che ieri ricorreva la Giornata mondiale dell’acqua, promossa dalle Nazioni Unite, il Pontefice ha sottolineato: "L’acqua è l’elemento più essenziale per la vita, e dalla nostra capacità di custodirlo e di condividerlo dipende il futuro dell’umanità". Di qui l’incoraggiamento alla comunità internazionale "a vigilare affinché le acque del pianeta siano adeguatamente protette e nessuno sia escluso o discriminato nell’uso di questo bene, che è un bene comune per eccellenza". Poi l’invito a dire con san Francesco d’Assisi: "Laudato si’, mi’ Signore, per sora aqua,/la quale è molto utile et humile et pretiosa et casta". Nei saluti, tra gli altri, ha citato il gruppo intitolato al vescovo martire Oscar Romero, che "sarà presto proclamato beato". (segue)” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy