CARDINALE BAGNASCO: GENTE "INVOCA LAVORO", "OCCORRE INVESTIRE"

"Come Pastori, diamo voce alla gente e, purtroppo, quella voce incalza le nostre parrocchie e diventa grido: invoca lavoro per chi l’ha perso e per chi non l’ha mai trovato". L’appello al lavoro, nella prolusione del cardinale Angelo Bagnasco, risuona come un grido. "Invoca lavoro – ha proseguito il cardinale – per chi è sfiduciato e si arrende mettendosi ai margini della società, facile preda della malavita. E con la disoccupazione, l’instabilità sociale cresce fatalmente". Come ha detto il Papa a Napoli, "con la mancanza di lavoro viene a mancare la dignità, e la persona rischia di cedere ad ogni sfruttamento". "La Chiesa in Italia, a livello centrale – ha ricordato il presidente della Cei – porta avanti da anni il Progetto Policoro e il Prestito della speranza: sono anche questi dei segni concreti che vengono incontro ai giovani, alle famiglie e alle piccole imprese". "Tutti sappiamo – ha proseguito – che non basta ripianare i buchi, ma occorre investire perché la competizione globale esige di essere sempre all’avanguardia; perché le nostre eccellenze devono essere difese con una continua ricerca; perché le professionalità non deperiscano; perché il patrimonio nazionale non prenda il volo per altri lidi, vanificando così i segnali positivi di ripresa che vengono rilevati dagli esperti". ” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy