SCUOLA: TARQUINIO ("AVVENIRE") ALL’AGESC, "DDL PERFETTIBILE MA È UN PASSO AVANTI"

"C’è una legge dello Stato sulla scuola paritaria, ma non è diventato pensiero comune, lessico comune, soprattutto da parte di quelli che fanno il mio mestiere". Lo ha detto questo pomeriggio al congresso dell’Agesc il direttore di "Avvenire", Marco Tarquinio. Introducendo la tavola rotonda con i due docenti universitari, Anna Maria Poggi (diritto costituzionale) e Andrea Ichino (economia politica), Tarquinio ha precisato che "oggi c’è un disegno di legge del governo, su cui stiamo riflettendo. Passi avanti ne sono stati fatti. Un evento importante avvenuto è che è arrivato il concetto di ‘costo standard’, per la prima volta citato in un documento ufficiale del ministero. C’è quindi una pietra di paragone", con riferimento ai confronti tra i costi sostenuti dallo Stato per la scuola pubblica (6mila euro a studente) e per quella paritaria (poche centinaia di euro in base ai livelli). Secondo Tarquinio, "accanto a questa pietra di paragone servirebbe dell’altro. Ma dobbiamo considerare che il ddl è comunque un passo avanti, perfettibile sì, ma comunque un passo avanti". A proposito del dibattito culturale in corso, il direttore ha aggiunto: "Uno dei problemi di questi tempi è il furto delle parole: clamoroso il caso sulle parole ‘padre’ e ‘madre’ per farle sparire dal linguaggio corrente dei bambini e dalle modulistiche". "A questo furto io non ci sto – ha concluso – bisogna reagire".” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy