COMECE: LAVORO, AMBIENTE, TTIP E QUESTIONI ETICHE AL CENTRO DELLA PLENARIA (2)

Dall’assemblea Comece viene anche, come ha specificato il card. Marx, "un incoraggiamento al processo di integrazione", così come ha fatto Papa Francesco "con i due discorsi tenuti a Strasburgo" a fine novembre. Un’Europa che deve chiarire il "senso della solidarietà" fra i Paesi e i popoli, rispondendo con unità di intenti alle nuove sfide che giungono in vari settori. Fra questi il card. Marx ha ricordato i temi etici, i diritti umani, le migrazioni. Durante la plenaria ha suscitato interesse l’incontro con il card. Tauran a proposito del dialogo con il mondo musulmano. Non poteva mancare uno sguardo ad altre questioni d’attualità fra cui il processo di allargamento dell’Unione e la situazione della Grecia, sulla quale mons. Jean Kockerols, vicepresidente della Comece, anch’egli confermato nell’incarico, afferma: "Grexit", cioè l’uscita della Grecia dall’euro o dall’Ue, "non è una soluzione" ai problemi del Paese. I vescovi hanno a questo proposito verificato le collaborazioni in atto tra Caritas Grecia, Caritas Europa e le Caritas di alcuni Stati europei. Padre Patrick Daly, segretario generale Comece, ricorda inoltre il lavoro che la Commissione degli episcopati europei sta conducendo nell’ambito dell’art. 17 del Trattato di Lisbona, per un dialogo strutturato e aperto tra comunità religiose e istituzioni comunitarie. ” “” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy