ATTACCO TUNISI: SALESIANI, LA POPOLAZIONE “NON S’IDENTIFICA CON QUESTI GESTI”

“Gesti come quello di ieri sono solo azioni criminali e non hanno nulla a che vedere con la religione. Tutta la popolazione è dispiaciuta per quanto è successo e oggi in molti dicono ‘Je suis Bardo’, perché quello che è stato colpito è un luogo simbolo della cultura tunisina e tutti si sentono oltraggiati”. È la testimonianza, riportata dall’Agenzia salesiana Ans, dei salesiani presenti a Manouba, un sobborgo nei pressi della capitale, Tunisi, a 24 ore dall’attentato. La popolazione, riportano i salesiani (che a Manouba, assieme all’oratorio-centro giovanile, animano una scuola con 800 allievi, tutti musulmani), “non s’identifica minimamente con questi gesti. Anzi, la gente teme anche per il turismo, che è una grande risorsa per il Paese”. Né ieri, né oggi si è respirata la paura nella casa di Manouba, raccontano i religiosi: “Ieri c’erano ospiti alcuni allievi di una scuola di suore, abbiamo svolto le attività regolarmente. Solamente, loro al ritorno loro hanno avuto delle difficoltà ad attraversare la città, ma non ci sono stati altri problemi. Noi non ci sentiamo minacciati e anche la Polizia ci ha detto di stare tranquilli”.” “” ” ” “” ” ” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy