ATTACCO TUNISI: MONS. ANTONIAZZI (ARCIVESCOVO), "LA SPERANZA RESTA SALDA"

"Siamo vicini al popolo tunisino e partecipiamo, come Chiesa, alla sua sofferenza. Abbiamo inviato una lettera al presidente della Repubblica di Tunisia in cui esprimiamo cordoglio e di vicinanza. Anche noi ci sentiamo coinvolti in tutto ciò che è successo". A parlare è monsignor Ilario Antoniazzi, arcivescovo di Tunisi, che al Sir (clicca qui) commenta l’attacco terroristico di ieri nella capitale. Una vicinanza che si fa concreta con la visita, probabilmente già stasera, ai feriti ricoverati negli ospedali anche se, dice, "è piuttosto complicato, poiché le misure di sicurezza sono al massimo e ci sono militari dappertutto. Vedremo se sarà possibile entrare. Porteremo la vicinanza e l’affetto di Papa Francesco". L’arcivescovo parla "risveglio brusco". "Il mestiere del Governo – dichiara mons. Antoniazzi – è quello di controllare che tutto vada bene e tranquillizzare il popolo. Quest’ultimo, però, viveva con il tremore. Ogni giornata che terminava senza nessun problema diceva ‘oggi è andata bene ma domani cosa succederà?’".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy