LAVORO: ADAPT, DOMANI A ROMA INCONTRO SULLA “CONTRATTAZIONE COLLETTIVA” (2)” “

Secondo Tomassetti, “per quanto riguarda i contratti di secondo livello, emerge un decentramento a vocazione organizzativa. Cioè i livelli contrattuali sono fra loro complementari e non alternativi. Di fatto le aziende che fanno questo tipo di contrattazione, contemporaneamente applicano il contratto collettivo nazionale di lavoro”. Il ricercatore sottolinea che “viene emergendo una enorme potenzialità della contrattazione collettiva territoriale e aziendale. Si tratta di una potenzialità non pienamente espressa, nel senso che i contratti collettivi aziendali non sono in realtà fortemente inclini a favorire incrementi di produttività e performance economica positiva”. Tomassetti sottolineata la concezione che “la contrattazione collettiva non debba rappresentare solo la tutela degli interessi dei lavoratori, ma anche costituire una leva di produttività e competitività per le aziende. Essa infatti rappresenta certamente una garanzia di giustizia sociale ma dovrebbe anche assolvere a una funzione d’incrementare la produttività e competitività delle aziende”.” “” ” ” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy