SVEZIA: PREGHIERA ECUMENICA PER I CRISTIANI PERSEGUITATI IN SIRIA

"Per i credenti, la preghiera è una forza importante e pertanto chiediamo che nelle celebrazioni della Domenica delle Palme, 29 marzo, una preghiera comune si levi per i cristiani perseguitati in Medio Oriente", scrive oggi Karin Wiborn, Segretario generale del Consiglio cristiano di Svezia. "Siamo preoccupati e in ansia per i nostri fratelli e sorelle" cristiani che in maggioranza "appartengono all’antica Chiesa d’Oriente, conosciuta anche come la Chiesa assira" e "della Chiesa siro-ortodossa". A sostenere Karin Wibor nell’iniziativa è il credere "che la preghiera può cambiare. E se faremo questo insieme, in varie chiese di diverse tradizioni in tutto il Paese, siamo certi che avrà degli effetti". Molti membri di chiese e organizzazioni stanno lavorando "in Medio Oriente per sostenere le persone provate dalle devastazioni della guerra" spiega la nota che accompagna il testo della preghiera: "nonostante questi sforzi, la situazione è estremamente grave e sentiamo una grande prostrazione per ciò che sta accadendo". Per questo le Chiese della Svezia fanno anche appello "ai nostri politici perché facciano tutto quello che è in loro potere per proteggere le persone e garantire la pace e la giustizia". Nei mesi passati le Chiese hanno ripetutamente sollecitato, attraverso lettere, consultazioni, incontri il ministro degli Esteri, a "promuovere la libertà di religione o di credo attraverso iniziative di politica estera".” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy