SOCIALE: BARBIERI (TERZO SETTORE), VERSO IL "REDDITO DI INCLUSIONE SOCIALE" (3)

Nella proposta al Governo presentata questa mattina dalla "Alleanza contro la Povertà", si sottolinea come ormai sia indispensabile "l’aumento della platea di riferimento per l’applicazione del Reis (reddito di inclusione sociale), in quanto nel perimetro attuale stiamo facendo una operazione parziale su pochissime persone, mentre le sue dimensioni si sono molto ampliate". Secondo il portavoce del Forum Terzo Settore, Pietro Barbieri, il reperimento dei fondi necessari (stimati in 15 miliardi nel primo quadriennio di applicazione), dovrebbe avvenire "attraverso vari strumenti: col meccanismo dei Fondi strutturali dell’Unione europea, attraverso la fiscalità generale, con una ‘vera’ spending review trovando risorse in una spesa pubblica attualmente molto elevata". Le famiglie considerate in povertà assoluta in Italia si stima siano il 6,8% del totale e tale soglia di povertà cambia in base alle "macro-aree" dove vivono (nord-centro-sud), oltre che dal comune dove vivono (piccolo-medio-grande). La proposta presentata al Governo perciò tiene conto "delle notevoli differenze nel costo della vita in Italia". Il Reis prevede anche l’offerta, oltre che di un aiuto economico, anche di servizi quali per l’impiego, disagio psicologico, disabilità, non autosufficienza, secondo il principio guida della "inclusione sociale".” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy