AFRICA: CONVEGNO COMBONIANI, "IL CAMMINO VERSO LA PACE È IL NOSTRO CAMMINO" (2)” “

Sull’esigenza di "aiutare l’Africa a prendere coscienza dell’esistenza di fattori nuovi" si è soffermato Mario Raffaelli, presidente di Amref Italia. "Grazie alle risorse umane, a una buona governance, nuove forme di cooperazione, per la prima volta gli investimenti superano l’aiuto allo sviluppo. Ma servono regole globali. Inoltre – ha aggiunto – la guerra al terrorismo non si può fare senza impegno politico e sociale. C’è un fil rouge dal Mali alla Nigeria: i gruppi terroristici sono abilissimi a sfruttare il dolore e le rivendicazioni". Il business degli armamenti è stato al centro della relazione di Maurizio Simoncelli, vicepresidente dell’Istituto di ricerche internazionali Archivio e disarmo. "Principale esportatore verso l’Africa è l’Ucraina, seguita da Cina, Russia e Francia. Maggiori importatori, invece, sono Egitto, Sudan, Algeria e Marocco. In Africa l’importazione di armi nell’ultimo quinquennio è aumentata del 53%". In merito alle possibilità di intervento sul traffico illegale, "i Paesi dell’Economic Community of West African States hanno attivato dal 2009 una convenzione sulle armi piccole, mentre è in vigore dalla fine del 2014 l’Arms Trade Treaty, cui però manca la sottoscrizione di Usa, Cina, Russia e India". È necessario, ha concluso, "il rafforzamento del regime di trattamento delle armi per comprendere fonti, tragitti e destinazioni. Il cammino dell’Africa verso la pace è il nostro cammino".” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy