AFRICA: COMBONIANI, UN CONTINENTE CHE NON VUOLE CAMMINARE DA SOLO

"Siamo qui per far entrare nei nostri cuori l’aria fresca che viene dall’Africa, che vuole aiutarci a sognare un’umanità nuova, dove non possiamo dimenticare nessuno e abbiamo tanto da ricevere per riconoscerci umani". Padre Enrique Sanchez Gonzalez, superiore generale dei comboniani, ha aperto così stamattina, al Seraphicum di Roma, il secondo giorno del convegno "Africa, continente in cammino". "Oggi facciamo memoria di padre Daniele Comboni e del dono del piano per la rigenerazione dell’Africa, che è diventato vita nel cuore degli africani. Riascoltiamo la voce di un continente che grida al cielo ma ringraziamo per la bellezza e la vita dello stesso continente che non si arrende e ha tanto da offrire al mondo, ricco non solo di risorse materiali ma soprattutto – ha sottolineato – del suo popolo, della sua cultura, della sua tradizione e della sua gente. Vogliamo riconoscere – ha concluso – la forza, la vita, la fede e l’umanità profonda che ogni africano porta nel cuore, insieme alla generosità e alla bontà che ogni africana non si stanca di prodigare. L’Africa cammina, ma non vuole farlo da sola". (segue)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy