RIFORME COSTITUZIONALI: BOTTALICO (ACLI), SI APRE LA STRADA AD ALTRI CAMBIAMENTI (2)

Per le Acli, "una domanda appare fondata: cosa potrebbe succedere il giorno in cui forze populiste e autoritarie, anche con dei consensi molto minoritari, vincendo le elezioni, arrivassero ad avere il simultaneo controllo della Camera e del Governo? Chi oggi ha avuto il merito e dimostrato il coraggio di varare questo ampio disegno di riforme, ha la responsabilità anche di tenere in considerazione preoccupazioni di questo genere". Secondo Bottalico, "gli aspetti della riforma costituzionale che riguardano il Titolo V sembrano recepire le esigenze di un riordino delle competenze fra i vari livelli di governo a condizione che sulle nuove materie che tornano allo Stato si dia luogo una legislazione rispettosa delle autonomie locali".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy