PAPA FRANCESCO: UDIENZA, ANZIANI "NON È ANCORA IL MOMENTO DI TIRARE I REMI IN BARCA"

"Noi abbiamo bisogno di anziani che pregano"; "come vorrei una Chiesa che sfida la cultura dello scarto con la gioia traboccante di un nuovo abbraccio tra i giovani e gli anziani!": è l’auspicio di Papa Francesco, che oggi durante l’udienza generale in Piazza San Pietro, con oltre 12.000 partecipanti, ha continuato la sua riflessione sui nonni, considerando il valore e l’importanza del loro ruolo nella famiglia. "Lo faccio immedesimandomi in queste persone, perché anch’io appartengo a questa fascia di età", ha detto, aggiungendo a braccio che durante il recente viaggio nelle Filippine lo salutavano chiamandolo "lolo Kiko", "nonno Francesco". Una prima cosa è importante sottolineare: è vero che la società tende a scartarci, ma di certo non il Signore. Lui ci chiama a seguirlo in ogni età della vita, e anche l’anzianità contiene una grazia e una missione, una vera vocazione del Signore. "Non è ancora il momento di ‘tirare i remi in barca’ – ha sottolineato -. Questo periodo della vita è diverso dai precedenti, non c’è dubbio; dobbiamo anche un po’ ‘inventarcelo’, perché le nostre società non sono pronte, spiritualmente e moralmente, a dare ad esso il suo pieno valore. Una volta, in effetti, non era così normale avere tempo a disposizione; oggi lo è molto di più. E anche la spiritualità cristiana è stata colta un po’ di sorpresa, e si tratta di delineare una spiritualità delle persone anziane". (segue)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy