CARDINALE PAROLIN: "SPERIAMO CHE SI VADA AVANTI" CON LA RIFORMA DELL’ONU” “

Una riforma dell’Onu in grado di gestire i nuovi scenari internazionali. A chiederla è il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato, parlando a margine del suo intervento questa mattina al Dies Academicus dell’Università Gregoriana sul tema "La pace: dono di Dio, responsabilità umana, impegno cristiano". "Finora – ha detto ai giornalisti – piuttosto ci si è limitati a prendere atto che lo scenario mondiale è cambiato, che non ci sono più, diciamo, gli attori di un tempo, che ne sono apparsi altri. Le soluzioni ancora non si sono trovate, o per lo meno non sono state decise e accettate. Noi continuiamo a insistere su questo, ogni volta che ci è data la possibilità ma sinora nulla è cambiato. Speriamo che davvero si vada avanti, perché ci sembra che l’Onu possa essere uno strumento valido per gestire le questioni, questo lo abbiamo sempre detto, lo crediamo, però un’Onu rinnovata rispetto alla nuova realtà alla quale ci troviamo di fronte". Riguardo alla indifferenza della comunità internazionale rispetto ai vari scenari di guerra, il cardinale Parolin ha detto: "Purtroppo ci si abitua un po’ a queste cose. Credo di sì, che ci sia un po’ di indifferenza: anche per esempio il conflitto in Siria, che continua ad essere devastante non attira più l’attenzione che poteva attirare in un primo momento. È questo il pericolo più grande: che ci si dimentichi e che queste situazioni di conflitto poi incancreniscano e continuino a provocare sofferenze".” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy