Papa Francesco: dopo Angelus, a Cop21 “ogni sforzo” per “attenuare impatti cambiamenti” clima

“Che tipo di mondo desideriamo trasmettere a coloro che verranno dopo di noi, ai bambini che stanno crescendo?”. Riprendendo una domanda posta nell’enciclica “Laudato si’”, ieri mattina Papa Francesco, dopo l’Angelus, ha detto di seguire “con viva attenzione i lavori della Conferenza sul clima in corso a Parigi”. “Per il bene della casa comune, di tutti noi e delle future generazioni, a Parigi ogni sforzo dovrebbe essere rivolto ad attenuare gli impatti dei cambiamenti climatici e, nello stesso tempo, a contrastare la povertà e far fiorire la dignità umana”, ha osservato il Pontefice, secondo il quale “le due scelte vanno insieme: fermare i cambiamenti climatici e contrastare la povertà perché fiorisca la dignità umana. Preghiamo perché lo Spirito Santo illumini quanti sono chiamati a prendere decisioni così importanti e dia loro il coraggio di tenere sempre come criterio di scelta il maggior bene per l’intera famiglia umana”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy