Dialogo: Mokrani (Pisai), “abbiamo bisogno della solidarietà fra cristiani e musulmani”

“La misericordia rappresenta un valore centrale per la fede islamica. La missione del profeta Mohammed è infatti centrata sulla misericordia. Convertirsi alla misericordia significa ricordare il nucleo dell’essere religiosi. Senza, la religione è vuota. La misericordia rappresenta la risposta dello spirito alla violenza e la terrorismo. Come donne e uomini religiosi non abbiamo altra risposta”. Lo ha detto Adnane Mokrani, docente del Pisai e dell’Università Gregoriana, durante il convengo “Cristiani e musulmani per la misericordia”, promosso oggi a Roma dalla Fnsi. “Noi – ha continuato il docente – non cediamo all’odio e alla violenza. Mi piace ricordare i grandi nomi dei religiosi, fra cui padre Dall’Oglio, un cristiano che ama i musulmani. Come lui, abbiamo conosciuto amici cristiani che hanno vissuto nell’aiuto ai musulmani. Questo ci dà pace e conforto”. “In questi frangenti – ha osservato – abbiamo bisogno della solidarietà fra cristiani e musulmani. Il dialogo religioso non è la scelta di una élite ma sta nel cuore dell’esperienza religiosa. Il dialogo è un atto di misericordia, un atto di amore e liberazione dal tribalismo e dal razzismo. Rischi che rendono la vita umana meno umana. L’adesione del mondo musulmano al Giubileo cristiano – ha concluso lo studioso – è significativa perché abbiamo bisogno di trovare la pace”

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy