Medici con l’Africa-Cuamm: morto don Luigi Mazzucato, storico direttore dal 1955 al 2008

È morto ieri sera a Padova don Luigi Mazzucato, storico direttore di Medici con l’Africa-Cuamm dal 1955 al 2008. Era nato a Saccolongo (Padova) l’8 gennaio 1927. La camera ardente sarà aperta domattina nella sede dell’Ong in via S. Francesco 126 a Padova. “Uomo di grande statura intellettuale, con una straordinaria capacità di conciliare profezia e realismo – così lo ricordano – è stato guida salda, e soprattutto maestro di vita per i tanti che lo hanno conosciuto. Nel 1955 raccolse la sfida di guidare il Cuamm, portata avanti con dedizione e impegno, accompagnati dalla tendenza a cercare di più il positivo che il negativo delle persone e degli eventi, ma soprattutto con determinazione e coraggio”. Molti i momenti significativi della sua vita, tante le prove e le difficoltà che ha dovuto superare in oltre 50 anni alla guida del Cuamm. “Nei miei 110 viaggi in missione in Africa ho visto la povertà, la sofferenza – diceva don Mazzucato -. Ho provato l’angoscia, nel 1987, davanti al primo reparto di 40 letti per malati di Aids, all’ospedale di Aber in Uganda, tutti occupati, alcuni malati morenti e gli altri destinati a morire nel giro di due anni. Ho provato l’angoscia davanti alle vittime della guerriglia in Mozambico, alle chiese piene di cadaveri nel genocidio in Rwanda (1994), ai bambini malnutriti gravi in Etiopia. Ho sentito il grido straziante di una madre, in una notte a Catiò in Guinea Bissau, da un villaggio vicino, che piangeva disperata la morte del suo bambino. Ho visto le rovine provocate dai conflitti interni in Angola. Ho visto, più recentemente, l’estrema povertà in Sud Sudan e lo squallore di certi ospedali dove nessuno di noi avrebbe il coraggio di farsi curare e forse nemmeno di metterci un piede dentro”. L’11 novembre 2010 l’Università di Padova gli ha conferito la laurea ad honorem in “Istituzione e politiche dei diritti umani e della pace”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa