Dottrina sociale Chiesa: Saotta (Flaei Cisl), “una società evoluta si misura dal grado di welfare”

Proseguono gli incontri organizzati nell’ambito del V Festival della Dottrina sociale della Chiesa. Questa mattina si è parlato di welfare aziendale, durante la presentazione dello studio promosso da Flaei Cisl e EN-3 Research “Politiche di welfare aziendale e benessere dei lavoratori. Uno studio sulle imprese del settore elettrico in Italia”. Lo studio affronta due questioni di grande attualità: come le aziende possono contribuire al welfare dei propri lavoratori e come si misura il benessere e si determina la qualità di vita nei contesti lavorativi. Dallo studio è emersa la bontà degli istituti sociali che in questo momento si trovano spesso a sostenere il reddito di chi si trova in uno stato di bisogno. Massimo Saotta, della segreteria nazionale della Flaei Cisl, ha sottolineato: “Una società evoluta si misura dal grado di welfare: credo che uno dei motivi di questa ricerca era capire innanzitutto quale è il ruolo del sindacato, che a mio avviso non è in crisi, ma spesso sono in crisi le proposte che fa”. Ascoltare la gente, quindi e non decidere a tavolino le proposte di welfare per i lavoratori. La ricerca presentata si riferisce ai lavoratori del settore elettrico (dati del 2014): per benessere viene intesa la qualità della vita come incrocio di due macro dimensioni di tipo oggettivo, cioè tangibili e misurabili (salario e standard di vita) e l’altra dimensione è quella soggettiva: fattori immateriali, come le relazioni sociali.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa